La Commissione Sicurezza dell’Ordine degli Ingegneri di Bologna ha organizzato il corso gratuito per RSPP e ASPP per tutti i codici ATECO. Il corso iniziato lo scorso 8 ottobre si concluderà il 6 dicembre 2018 presso la sede del nostro Ordine in Strada Maggiore 13 a Bologna. Previsti 48 CFP per gli ingegneri.

L’efficacia della proposta è dimostrata dall’interesse dei colleghi (33 partecipanti su 35 possibili) e dalla disponibilità dei docenti individuati, ciascuno per le proprie competenze, nell’ambito delle singole aree tematiche presenti all’Ordine.

Il progetto, fin dalla sua fase iniziale, è stato pensato per quegli ingegneri in condizioni di difficoltà professionale causate dalla perdita dell’occupazione o dalle ristrutturazioni aziendali conseguenti alla crisi attualmente perdurante.

La volontà dei promotori è stata quella di erogare tale iniziativa in forma gratuita e in fase di sviluppo del progetto ha coinvolto tutte le aree tematiche presenti all’Ordine in una logica di collaborazione e condivisione a sostegno dei colleghi.

Destinatari del corso:

  • ingegneri che a seguito di riorganizzazioni aziendali abbiano perduto l’occupazione e intendano intraprendere un’attività professionale in ambito di sicurezza sul lavoro (si richiederà dichiarazione sostitutiva di atto notorio).
  • neo-ingegneri, con due anni di iscrizione all’Ordine, che intendano qualificarsi in ambito di sicurezza sul lavoro;
  • ingegneri iscritti all’Ordine Ingeneri di Bologna e residenti nella Provincia di Bologna

 

QUALIFICHE

Il “modulo B generale”, della durata di 48 ore, consente di:

  • acquisire la qualifica al ruolo di RSPP e ASPP per diversi settori produttivi,
  • accedere (qualora di interesse) ai successivi moduli di specializzazione per i settori: SP1 Agricoltura e Pesca, SP2 Cave e Costruzioni, SP3 Sanità residenziale, SP4 Chimico – Petrolchimico.

L’impostazione del corso ricalca le indicazioni contenute nel recente “Accordo Stato Regioni sulla formazione di RSPP e ASPP” del 7 luglio 2016, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 19/08/2016.

È obbligatoria per i corsisti la frequenza delle lezioni previste per almeno il 90% del corso.

Di seguito le dichiarazioni di Massimo Rubin e Lorenzo Pieri rispettivamente Coordinatore e Membro permanente AT Gestione Prevenzione GDL Sicurezza:

“In tale progetto ravvediamo l’opportunità di dare concretezza alla missione più alta dell’Ordine che è, ed è sempre stata, quella di tutelare la figura dell’Ingegnere (indipendentemente dalla sua collocazione professionale o di contratto di lavoro), una figura che, in questi ultimi anni, ha visto progressivamente erosa la sua dignità ed importanza in tutti i campi di attività.Il messaggio che l’Ordine vuole trasmettere è di fare della solidarietà concreta e dell’impegno fattivo un elemento di supporto trasversale, non legato a logiche di mercato, ma bensì di sostegno a tutti gli Ingegneri”.

Share This